Angelodiluce Risveglio
Ciao entra a far parte del nostro forum
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 40 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Gallo Cedrone

I nostri membri hanno inviato un totale di 737 messaggi in 721 argomenti
Sondaggio
traduttore

La Tradizione Primordiale

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La Tradizione Primordiale

Messaggio Da Angelodiluce il Mar Lug 27, 2010 2:12 am

Per Tradizione Primordiale si intende il patrimonio religioso, cultuale e sociale ,in poche parole la civiltà, del popolo degli Iperborei e soprattutto la summa sapienziale dei suoi colleggi iniziatici. Gli Iperborei, lo ripetiamo, sarebbero i rappresentati una antichissima civiltà che in tempi remotissimi, nella mitica età dell'oro e comunque nell'alta preistoria (sarebbero gli antenati dei Cromagnon che dovrebbero risalire a 30.000 40.000 anni fa), abitavano nelle zone polari che all'epoca godevano di un clima delizioso. Gli Iperborei sarebbero i depositari e i diffusori di una rivelazione primordiale che poi ritroviamo negli Indoeuropei e da li in tutti i popoli che appartengono a questo ceppo. Nel tempo questa trasmissione orizzontale, cioè storica, veniva rinnovata e corroborata dalla esperienza diretta dei veggenti che riscoprivano in sé la sapienza non-umana ma divina e trascendente che venne rivelata in origine agli Iperborei. Venne rivelata a loro per il semplice fatto che, almeno per quanto riguarda il ciclo in cui viviamo, sono i progenitori dell'umanità ... almeno di una parte dell'umanità.
La dottrina degli Iperborei è come una piramide rovesciata perchè le fondamenta, i fatti, su cui si poggia è appena sufficiente per piantare uno spillo.
In primo luogo essi sono un popolo che vive nell'eta dell'oro, in un'epoca cioè in cui l'uomo è pienamente risvegliato e in pace con sé, Dio e il mondo. Gli Iperborei sono figure semidivine ,possiedono poteri taumaturgici capaci di opere mirabolanti e sono immortali. Il loro corpo non è pienamente materiale per questo antiche cronache dicono che avevano le "ossa molli" e per ciò si giustifica la mancanza di resti fossili di questi uomini. A un certo punto però una deviazione morale segna l'inizio di un nuovo ciclo e il chiudersi dell'età dell'oro. I loro discendenti migrano dalla sede originaria portando nella loro diaspora la scintilla della sapienza originaria. La causa della migrazione dei discendenti è un inverno spaventoso e senza fine, una delle glaciazioni che consegue a un evento cosmico che fa da cont'altare alla caduta interiore. Alla deviazione morale segue una declinazione dell'asse terrestre in seguito a uno spaventoso cataclisma , forse l'impatto di un enorme meteorite sulla terra. La tradizione estremo orientale porta il ricordo di questo evento :
<< I pilastri del cielo furono infranti la terra tremo alle sue fondamenta. I cieli a settentrione scesero sempre più in basso. Il sole e la luna e le stelle mutarono il loro corso. La terra si aprì e le acque racchiuse nel suo interno proruppero e inondarono i vari paesi. L'uomo si trovava in rivolta contro il cielo e l'universo cadde in disordine. Il sole si oscurò . I pianeti mutarono il loro corso e la grande armonia del cielo fu distrutta>> (Evola 1984 pag 235)
I popoli che migrarono dalle ormai gelate terre originarie portarono con sé il ricordo di questa sede primitiva e dei loro mitici antenati. Quattro antenati degli indiani Quiche memori dell'eta dell'oro e nostalgici del paradiso perduto, si narra, tentarono di ritornare a Tulla ,la patria originaria, ma giunti lì trovarono solo freddo e ghiaccio.
Il ricordo delle origini produsse un simbolismo tipico che gravita intorno a un'isola o una montagna che si trova al nord e di una razza primordiale si sapienti. Un giorno, narrano alcune tradizioni come quella tibetana , dal nord verra un eroe dei tempi antichi che restaurerà l'ordine infranto.
Ho volutamente tralasciato il consueto apparato filologico che generalmente accompagna simili esposizioni privilegiando le idee che ruotano intorno agli Iperborei. L'ho fatto perchè diventa estremamente difficile, per il lettore, orientarsi fra due o tre affermazioni e decine di citazioni e analogie prese da svariate tradizioni e mitologie. Ma la voluta semplicità e chiarezza nella descrizione di quel che si suppone si conosca di questa antica civiltà , lo ripeto, non deve indurre il lettore a credere che le fonti siano così estremamente chiare, tutt'altro .
Questa dottrina della Tradizione Primordiale ha dei lati tenebrosi e assai inquietanti che generalmente si tacciono ma che il lettore farebbe bene a porre su di essi tutta la sua attenzione.
Già nell'ottocento uno studioso delle civiltà del mediterraneo il Bachofen aveva tratto le conclusioni che le civiltà attuali erano il risultato della dialettica fra due archetipi di civiltà quella Aristocratica e quella Ginecocratica. Nei primi del ventesimo secolo, in francia il, Guenon inizia a postulare di questa Tradizione Primordiale, Nordica, e,poco più tardi, gli fa eco, in Italia, Julius Evola. Il problema è che sempre nello stesso periodo, in germania, studiosi che facevano parte del NSADP cioè del partito nazionalsocialista iniziano a pubblicare un ondata di studi sulle origini Nordiche, Ariane, della civiltà e iniziarono a tracciare i confini fra ciò che era autenticamente Ariano e ciò che non lo era considerando, le civiltà, non Ariane, non Nordiche, come degenerazione e pericolo per la purezza della razza. Specificatamente il popolo ebraico fu considerato essere l'esatta antitesi dell'Arianesimo. Per farla breve e lavorando un poco di fantasia (ci sono precise circostanze come l'appartenenza di Hitler alla società "iniziatica Tule, uno dei nomi della terra favolosa degli Iperborei) si potrebbe affermare che il nazionalsocialismo sia anche una armonica ,in chiave politica-sociale, delle dottrine esoteriche di una setta di cui Hitler aveva subito delle influenze. Il tentativo di distruggere le componenti razziali non Ariane potrebbe essere visto come la restaurazione della razza boreale e quindi la restaurazione dell'età dell'oro. Infatti il terzo Raich doveva durare mille anni nelle fantasie dei suoi gerarchi e portare alla restaurazione dei valori tradizionali della civiltà Ariana. La guerra veniva vista come un attualizzazione delle profezie che prevedevano che il ciclo attuale si sarebbe chiuso e l’età dell'oro restaurata e sarebbe durata mille anni dopo una terribile battaglia fra le armate delle tenebre, le razze non ariane e antitradizionali, e le armate della luce gli Ariani. Gli eventi tristissimi e drammatici, che tali ordini di idee, e soprattutto il volerle realizzare a tutti i costi hanno prodotto sono universalmente noti.
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 601
Data d'iscrizione : 28.04.10

Vedi il profilo dell'utente http://angelodilucerisvegli.forumattivo.info

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum