Angelodiluce Risveglio
Ciao entra a far parte del nostro forum
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 40 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Gallo Cedrone

I nostri membri hanno inviato un totale di 737 messaggi in 721 argomenti
Sondaggio
traduttore

Sacrificio nell'Ebraismo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Sacrificio nell'Ebraismo

Messaggio Da Angelodiluce il Gio Apr 29, 2010 1:13 am

Nell'Ebraismo, un sacrificio è noto come Korban (dalla radice ebraica karov che significa "accostarsi [a Dio]").

La centralità dei sacrifici nell'Ebraismo è fatto acclarato, dal momento che gran parte della Bibbia, particolarmente i capitoli iniziali del Levitico, espongono dettagliatamente l'esatto metodo di offrire sacrifici. I sacrifici erano sia cruenti (animali) sia non cruenti (frumento e vino). I sacrifici cruenti erano divisi in olocausti totali (in cui le offerte votive animali venivano combuste interamente) o parziali (in cui era bruciata una parte soltanto della vittima sacrificale e una parte di essa era lasciata nella disponibilità del sacerdote sacrificante) e in offerte in cui solo una parte dell'animale era combusta, senza che il sacerdote ne traesse alcun vantaggio. I profeti veterotestamentari furono sempre coerenti nell'affermare che i sacrifici costituivano solo un mezzo per venerare Dio e che avevano bisogno di essere accompagnati da una profonda moralità e bontà. Così come erano in attesa di un Messia, essi erano infatti in attesa del sacrificio perfetto da rendere a Dio.
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 601
Data d'iscrizione : 28.04.10

Vedere il profilo dell'utente http://angelodilucerisvegli.forumattivo.info

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum