Angelodiluce Risveglio
Ciao entra a far parte del nostro forum
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 40 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Gallo Cedrone

I nostri membri hanno inviato un totale di 737 messaggi in 721 argomenti
Sondaggio
traduttore

Angeli nei simboli

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Angeli nei simboli

Messaggio Da Angelodiluce il Lun Lug 26, 2010 2:12 pm

I maleachim menzionati nell’Antico Testamento, i messaggeri di Dio, assunsero il nome greco di angeloi (lat. angeli). Considerati in un primo momento come personificazioni della volontà di Dio e poi come componenti di una schiera del cielo e di una corte, furono raggruppati in diverse classi o gerarchie (Cherubini, Serafini, Troni, Dominazioni, Principati, Potestà, Virtù, Arcangeli, Angeli - vedi Gerarchie angeliche). Questa gerarchia celeste risale a Dionigi l’Aeropagita (500 ca d.C.), che creò così la base per configurazione simbolica del firmamento elaborata dalla visione medievale del mondo, fornendola di un fondamento teologico. In seguito a ciò i Cherubini e i Serafini sono responsabili del primo movimento (Primum mobile) e della sfera delle stelle fisse, i Troni di quella di Saturno, le Dominazioni per Giove, i Principati per Marte, le Potestà per il Sole, le Virtù per Venere, gli Arcangeli per Mercurio e gli Angeli per la Luna, il corpo celeste più vicino alla Terra. Le antiche sculture orientali, rappresentanti figure umane alate come personificazioni di geni e creature sovrannaturali, influenzarono certamente la tendenza cristiana a raffigurare gli angeli come esseri muniti di ali, cosa che l’arte protocristiana per lungo tempo aveva evitato (probabilmente per impedire che gli angeli venissero confusi con personificazioni quali Nike/Victoria, Gloria e Agatha Tyche, la "buona sorte" dell’imperatore). Intorno al IV secolo fecero la loro comparsa immagini di angeli con nimbo (aureola) e ali, fanciulli vestiti di bianco che hanno in mano la bacchetta del messaggero, gigli (simbolo dell’amore puro e verginale), rami di palma ("Il giusto fiorisce come una palma", Salmi 92, 13), spade fiammeggianti per combattere il diavolo, incensieri, bandiere (l’arcangelo Michele vincitore del ribelle Lucifero) o trombe (per annunciare il Giudizio Universale). Nel medioevo e nel primo rinascimento gli angeli vengono sempre più raffigurati come androgini o fanciulle. Si afferma ugualmente già nel XII secolo la tendenza a raffigurare simbolicamente gli angeli con teste alate (indice di "non-corporeità") e nella veste di fanciulli ("innocenza"), tendenza che trova poi la sua definitiva manifestazione idillica nei putti angelicati tipici del barocco. Spesso i Cherubini sono rappresentati con spade di fuoco (un cherubino sorveglia l’entrata del paradiso con in mano una spada di fuoco dopo il peccato originale di Adamo ed Eva e dopo la loro cacciata), i Serafini invece come servitori che circondano il trono di Dio ("e io vidi un grande trono bianco e Colui che vi siede. Dinanzi a Lui fuggono la Terra e il Cielo", Apocalisse di Giovanni); l’arcangelo Gabriele durante l’Annunciazione, Michele che combatte contro il drago Lucifero e Uriele accanto al sepolcro vuoto di Gesù Cristo, infine l’angelo sulla scala di Giacobbe (simbolo della comunicazione tra Dio e l’uomo) e nel barocco l’angelo che guida le anime che si sono purificate nel fuoco del purgatorio e che ora salgono dolcemente al cielo. Nel XIX secolo si sviluppò la tendenza alla raffigurazione dell’angelo custode di ogni persona, soprattutto dei bambini.
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 601
Data d'iscrizione : 28.04.10

Vedere il profilo dell'utente http://angelodilucerisvegli.forumattivo.info

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum