Angelodiluce Risveglio
Ciao entra a far parte del nostro forum
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 40 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Gallo Cedrone

I nostri membri hanno inviato un totale di 737 messaggi in 721 argomenti
Sondaggio
traduttore

LE FIGURE DEL MAGO E DELLA STREGA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

LE FIGURE DEL MAGO E DELLA STREGA

Messaggio Da Angelodiluce il Dom Lug 25, 2010 2:07 am


Il Mago e la Stega agiscono sulla realtà e la modificano, uniscono o dividono o spezzano definitivamente, vedono nel passato ciò che è già avvenuto e leggono nel futuro ciò che ancora deve avvenire utilizzando strumenti senza tempo.
Essi studiano i meccanismi per gestire l'esistenza e per conoscere la natura oltre la natura stessa dell'uomo e lavorano su loro stessi per giungere a quella comprensione della vita che trascenda la vita materiale.

Il Mago e la Stega sono come filosofi che guardano con occhi di bambino il mondo attorno ad essi per apprendere quelle oscure leggi che regolano l'universo intero.
LE DIFFERENZE

Non ci si deve stupire se fondamentalmente i Rituali di Magia un pò si somigliano tra loro, sia che si tratti di Rituali di Magia Bianca, Rossa o Nera ecc.. anche perchè, lo ribadiamo, è solo l'intenzione che dona i diversi connotati ad una pratica magica di per se PURA.
Come già detto è lo scopo per cui si mettono in opera questi riti che cambia il risultato e quindi si troveranno candele, incensi, forme simboliche, sembianti ecc.. in qualsiasi tipo di rituale.
A parte lo scopo, positivo o negativo che sia, in tutti i tipi di magia compaiono parole ben precise da recitare. Le cosiddette "parole di potenza".
Per la Magia Nera è risaputo l'utilizzo di parole blasfeme e sacrileghe oltre che di pergamene animali, invocazioni ai Demoni e sacrifici di animali
mentre in altre pratiche, come ad esempio gli esorcismi, si chiamano in ballo entità spirituali o la stessa matrice che scatenò la creazione.
L'applicazione di riti di Magia cosiddetta nera comporta spesso anche dei gravi rischi per l'operatore chiamati "colpi di ritorno".
Le energie usate durante un rituale sono fluide e circolano come boomerang e quindi occhio a ciò che si fa.


Quando esegui un lavoro magico poni sul tuo tavolo (come il mago dei tarocchi) i tuoi strumenti che sono, in realtà, i simboli associati ai 4 Elementi.
Usa le candele per indicare il fuoco, brucia dell'incenso puro (olibano maschio) o una mistura di erbe che posseggono le vibrazioni giuste a "spingere" il tuo desiderio, riempi un calice con acqua fresca meglio se non presa dalle tubazioni di casa (es: ruscello, acqua di fonte ecc), che sia acqua che sgorga direttamente dalla terra.
Poi, per indicare l'elemento terra usa del sale grosso o, ancora meglio, una moneta di minimo valore con cui "pagherai" gli spiriti affinchè possano ascoltarti con benevolenza.
Dare e avere. Loro ci affiancano e rafforzano il nostro rito e noi li ripaghiamo con gratitudine, ringraziamenti e monetine che disperderemo poi con i resti del rito.

I 4 elementi si trovano in ogni cosa perchè al momento della creazione dell'universo essi erano presenti. Se vogliamo anche noi creare una qualsiasi cosa con il nostro rito dobbiamo usare le basi della creazione. Ascolta le parole della strega, alleati con le forze presenti in natura e avrai il potere di creare.


Candele del giusto colore
Incenso
Acqua di fonte
Sale/moneta

Ogni volta che si compie un rito non è come fare un gioco, di questo dovete essere ben consapevoli.
In pratica, con un rituale, si vanno non solo a smuevere delle diverse energie ma si va anche a modificare la realtà. Deve esserci in voi una grande padronanza dello strumento che andate ad utilizzare perchè voi divenite come direttori di orchestra, coloro che manipolano e creano con estrema forte e ferrea volontà e non dovrete mai farvi prendere la mano, esagerare, scherzare, con una cosa così importante come la vita e la realtà.

Il mago usa il cervello quando esegue un rituale. Questo è fonfdamentale.
Un tempo i maghi solevano essere definiti "sapienti" e il vero mago, non il ciarlatano, così deve essere sempre considerato. Sempre.
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 601
Data d'iscrizione : 28.04.10

Vedere il profilo dell'utente http://angelodilucerisvegli.forumattivo.info

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum