Angelodiluce Risveglio
Ciao entra a far parte del nostro forum
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 40 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Gallo Cedrone

I nostri membri hanno inviato un totale di 737 messaggi in 721 argomenti
Sondaggio
traduttore

Ansia e Depressione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Ansia e Depressione

Messaggio Da Angelodiluce il Sab Mag 01, 2010 1:47 am

L'Ansia e la Depressione sono sintomi del disagio nel vivere una situazione. L'ansia segnala la presenza di un conflitto che deve essere risolto mentre alla base della depressione si ritrova una carenza di autostima.
Arieti, uno dei più grandi esperti della patologia depressiva, sostiene che l'autostima della persona che soffre di depressione dipende da fonti esterne. Questo significa che il depresso sente di valere qualcosa solo se ottiene amore e approvazione da parte in un'altra persona significativa (coniuge, figlio, genitore) oppure se raggiunge dei risultati straordinari nella vita. Depressione e ansia vengono spesso accostate quasi fossero la stessa cosa ma benché un'ansia cronica determini variazioni chimiche nel cervello simili a quelle della depressione, ansia e depressione sono disturbi molto diversi.
L'Ansia fisiologica, o "ansia normale", è una reazione d'aiuto nell'affrontare lo stress in situazioni pericolose ma quando da ansia fisiologica diviene uno stato d'ansia ossia ansia patologica vissuta come paura costante e immotivata nelle situazioni quotidiane l'ansia si trasforma in un limite accompagnato da sintomi fisici come tremore, sudorazione, palpitazioni, dolori al petto, respiro corto, nausea e spesso da depressione e attacchi di panico.


Disturbi d'ansia

  • Disturbo d'ansia generalizzata
  • Disturbo Ossessivo compulsivo (DOC)
  • Disturbo d'attacchi di panico
  • Disturbo post traumatico da stress (DPTS)
  • Fobia sociale (o disturbo d'ansia sociale)


Anche se ogni disturbo d'ansia ha sintomi differenti tutti i sintomi si riassumono in timore e terrore eccessivi e irrazionali.
In alcuni periodi della vita e situazioni specifiche può capitare di sentire un “qualcosa nella pancia” che ci blocca ma al tempo stesso ci mette in movimento frenetico ed inarrestabile: l'ansia. Nelle sue varie espressioni, dalla leggera tachicardia all'angoscia profonda all'attacco di panico, l'ansia non è altro che un segnale una spia che segnala che qualcosa non va. In altre parole l'ansia ci avverte che qualcosa dentro di noi ha bisogno di essere ascoltato e di venire espresso.
L'ansia si attiva nelle situazioni, spesso sociali, in cui questo conflitto viene sollecitato. Di questo disagio interiore, però, spesso non percepiamo l’esistenza e l’unica cosa che proviamo è un'ansia forte ed apparentemente immotivata. In questi momenti si cerca di trovare una risposta negli ansiolitici, in comportamenti frenetici o in un “ritiro” protettivo dal mondo. Sebbene tali risposte possano in qualche modo alleviare l'ansia esse tuttavia falliscono nel rimuoverne la causa con il risultato che torneremo ad avere a che fare con essa spesso, purtroppo. Occorre quindi andare a cercare il motivo da cui essa origina, per capire quali sono i bisogni inespressi e quali sono le parti di noi non ascoltate che premono per essere espresse e capite e che danno origine all'ansia.
Capire le cause e conoscere alcune parti di noi di cui non siamo ancora consapevoli, non solo ci permette di alleviare la paura associata all'ansia o al panico, visti come una “sensazione sgradevole senza motivo che ci fa stare male e che ci coglie all'improvviso”, ma è anche l'obiettivo del lavoro che l'ansia stessa ci sta suggerendo di fare. L'ansia paradossalmente non è un nemico da combattere ma un segnale da ascoltare.
Come detto alla base della depressione si ritrova invece una carenza di autostima di conseguenza , i depressi per stare bene con se stessi hanno costantemente bisogno di amore e di approvazione da parte delle persone significative : quando questo riconoscimento da parte degli altri non giunge, allora subentra la depressione.
Secondo gli psicologi, questo succede perché il depresso ha sacrificato per anni i propri sogni e le proprie esigenze per piacere agli altri e per adeguarsi ad un modello di comportamento in grado di procurargli l'ammirazione altrui.
La sensazione di vuoto che molti depressi lamentano è dovuta, secondo gli psicologi, al progressivo allontanarsi dalle proprie esigenze e aspirazioni.
Il depresso fa spesso nella vita delle scelte che non gli corrispondono , in quanto , per ottenere l'amore ha imparato a conformarsi alle esigenze altrui, negando le proprie.
La terapia
Terapie efficaci per disturbi d'ansia e depressione sono disponibili e la ricerca sta scoprendo nuove cure che possono aiutare la maggior parte delle persone con disturbi di ansia a condurre vite produttive e gratificanti. Se pensate d'avere un disturbo d'ansia consultate unpsicologi per trovare un professionista della vostra zona per definire una terapia adatta.
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 601
Data d'iscrizione : 28.04.10

Vedere il profilo dell'utente http://angelodilucerisvegli.forumattivo.info

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum