Angelodiluce Risveglio
Ciao entra a far parte del nostro forum
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 40 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Gallo Cedrone

I nostri membri hanno inviato un totale di 737 messaggi in 721 argomenti
Sondaggio
traduttore

La prova di sacrifici umani nelle prime dinastie

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La prova di sacrifici umani nelle prime dinastie

Messaggio Da Angelodiluce il Gio Apr 29, 2010 10:09 pm

un argomento che è stato lungamente dibattuto, con pareri che tendevano più al no che al sì. Invece, una campagna di scavi ad Abydos condotto dalle Università di New York, di Yale e della Pennsylvania è giunta alla prova evidente che questi erano una realtà durante le prime Dinastie. Ad Abydos, già nel 1890 Petrie trovò il sepolcro di Horo-Aha, primo Faraone della prima Dinastia, diretto successore di Narmer. In prossimità di questo, trovò anche altre sepolture che però, essendo povere e costruite con il fango, non lo interessarono molto, per cui preferì dedicarsi ad altro. Ora, sono state prese in esame e scavate dalla missione americana di cui sopra e sono emerse delle sconvolgenti verità. Le tombe, un tempo collegate da un passaggio sotterraneo con quella di Aha, sono evidentemente state costruite insieme, in quanto il soffitto di fango è stato realizzato in un’unica gettata, per ospitare una sepoltura contemporanea. Contengono i corpi di sei personaggi, ognuno ben identificato con i propri titoli, che appartengono a diverse classi sociali - da dignitari di alto rango fino ad artigiani - sepolti con ornamenti e gioielli, la cui morte è attribuibile al veleno. E’ stata anche trovata la sepoltura di dieci asini che, evidentemente, dovevano portare il corredo funebre del Faraone nel Duat.
La conclusione della missione archeologica americana è che, all’epoca di Aha, il gran Faraone che diffuse la cultura egizia nel territorio, identificato come un Dio, questi dovesse essere accompagnato nel Duat, in omaggio alla propria potenza, da esponenti della sua corte (tra l’altro, in una delle sepolture, sono stati anche trovati i resti degli arti inferiori di un bimbo di ca. 4 anni). E qui, sono solo sei! Perché, vicino alla tomba del Faraone Djoser, le sepolture simili ancora da investigare, costruite tutte contemporaneamente, sono oltre 400! Questa usanza, successivamente, per fortuna decadde e con i Faraoni si seppellirono soltanto statuette emblematiche.
L’importanza di Abydos come luogo sacro assume perciò sempre maggiore importanza (ricordo anche le navi ritrovate nel deserto che, evidentemente, erano alla base di particolari riti, per non parlare poi dell’ Osireion e dei suoi misteri). Infatti, anche in seguito, era pratica comune costruire doppie sepolture tra le quali, quella di Abydos costituiva un cenotafio.
Però, tutto questo mi fa nascere un dubbio: Khufu, Khefrure e Menkaura appartenevano a questo periodo. Se ne cercano le mummie a Giza, ma non è che, per caso, siano stati invece sepolti ad Abydos e che le loro piramidi siano proprio loro un cenotafio? Sbaglierò, ma mi chiedo se questa ipotesi, che sono il primo a definire bizzarra, sia mai stata presa in considerazione, magari anche solo per scartarla.
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 601
Data d'iscrizione : 28.04.10

Vedere il profilo dell'utente http://angelodilucerisvegli.forumattivo.info

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum