Angelodiluce Risveglio
Ciao entra a far parte del nostro forum
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 40 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Gallo Cedrone

I nostri membri hanno inviato un totale di 737 messaggi in 721 argomenti
Sondaggio
traduttore

La Meditazione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La Meditazione

Messaggio Da Angelodiluce il Gio Apr 29, 2010 9:29 pm

di Max Heindel


(Da "Vie Nouvelle", sett/ott 1972)
Traduzione di Olga Faella

Discutiamo ora il soggetto "Meditazione" che fa parte di ogni insegnamento spirituale ed è della massima importanza nella ricerca della verità.
Si affaccia subito questa domanda: "Come deve compiere l'esercizio della meditazione l'aspirante alla verità nelle sue ricerche dei misteri della natura?"
Questo esercizio è il mezzo indispensabile al cercatore d'oro dello Spirito. Egli è, in realtà, come un minatore che perlustra le ricchezze spirituali, non in vista di una soddisfazione materiale, per la quale migliaia di anime hanno sacrificato la loro vita, oppure lunghi anni di lavoro; ma alla ricerca, quale aspirante alla verità, di un oro ben più prezioso, di valore incommensurabilmente maggiore: l'oro dello spirito. Come occorre che il minatore sia forte, vigoroso, idoneo a sopportare le fatiche e le tribolazioni relative al suo lavoro, così occorre che il minatore d'oro dello Spirito sia provvisto di un corpo fisico del quale abbia la padronanza. Deve averlo purificato mediante il suo modo di vivere, deve procurargli un'alimentazione sana che conservi puro il sangue e assicuri il buon funzionamento dei suoi organi.
Il cercatore d'oro della verità può investigare tutte le organizzazioni, tutti i campi intellettuali, assistere a conferenze di valenti oratori, pagare cospicuamente lezioni di istruttori rinomati, oppure sedersi ai piedi di maestri sapienti e riposare all'ombra delle loro sapienza. Stando a contatto con essi può sentirsi esaltato, elevato fino al settimo cielo: se il suo corpo e lo spirito non vibrano però all'unisono della verità che egli cerca, se egli è ancora vincolato al materialismo o se, pervaso dall'egoismo, accetta senza dare nulla di sé, quando uscirà dalle conferenze, dalle lezioni, dalle comunicazioni intellettuali o spirituali perderà presto tutto quanto desiderava acquisire. Ciò perché né il suo corpo né il suo spirito erano all'altezza degli insegnamenti troppo elevati per lui, i quali possono essere assimilati solo grazie a uno strumento qualificato per ricevere le verità spirituali. "Beati i puri di spirito, perché vedranno Dio."
Esempio concreto è che se vogliamo procurarci dell'acqua pura dobbiamo disporre di un recipiente scrupolosamente pulito. In caso contrario tale recipiente, anche se immerso nella più pura sorgente, non potrà contenere che un liquido impuro.
Il Cristo-Gesù recatosi alla fontana, parla alla Samaritana di un'acqua viva: "Chiunque beve di quest'acqua ," disse indicando l'acqua del vaso " avrà ancora sete; ma colui che berrà dell'acqua che io gli darò non avrà giammai sete. L'acqua che gli darò diverrà in lui una sorgente d'acqua che scaturirà fino alla vita eterna." Ogni aspirante alla verità ha sete di quell'acqua viva di cui parla Gesù-Cristo, di quella verità spirituale che è ovunque, ma che pochissimi sono in grado di trovare; che è in ogni cosa, ma che pochissimi sono capaci di prendere.
Ma perché l'uomo ha perso quanto un tempo ha posseduto? Perché si è allontanato dalla verità? Nei lontanissimi tempi della sua evoluzione era conscio delle altezze spirituali. Questa facoltà è stata persa, questo potere sacrificato al piacere dei sensi che lo ha allontanato dai regni celesti, i quali egli ora brama nuovamente raggiungere. Tuttavia essi non sono molto distanti: sono vicini. Egli deve ricostruirsi questi sensi sottili ora profondamente immersi nella materia, al prezzo di una volontà inflessibile e di incessanti sforzi. Come il minatore deve ispezionare e perseverare.
L'uomo carnale deve essere vinto. Non però come alcuni istruttori pretendono, negando le infermità del corpo fisico, ma curandole. Non affermando cose non acquisite, ma chiedendo di essere portati ai regni spirituali con mezzi legittimi, poiché la violazione di questi sacri luoghi senza "l'abito nuziale, " costituisce un atto riprovevole. Il padrone di casa scaccerà presto l'intruso ignominiosamente.
Nella "Cosmogonia dei Rosacroce" viene detto che "Siccome il corpo del desiderio e la mente non sono ancora ben organizzati, non possono essere usati come veicoli separati di coscienza. Il corpo vitale non può abbandonare il corpo fisico in quanto vi sarebbe rischio di morte. E' quindi evidente che bisogna adottare alcune misure per procurarci un veicolo organizzato che sia fluido e costruito in modo da assolvere le necessità dell'Ego nei mondi interni, come è il caso del corpo fisico nel mondo fisico. "Per confezionare questo abito nuziale, il corpo-anima, occorre innanzitutto che l'aspirante impari a concentrarsi: deve essere capace di controllare, in una certa misura, i suoi pensieri e conservarli a lungo su un medesimo oggetto o soggetto per arrivare a rappresentarseli nello spirito. Il primo passo consiste nell'acquisizione di un certo grado di controllo e di padronanza dei pensieri durante la concentrazione. Quando l'aspirante è riuscito ad evitare che i suoi pensieri si disperdano, può affrontare il secondo passo: la meditazione.
La meditazione consiste nel conservare un ideale davanti agli occhi dello spirito, di studiarlo in ogni senso fino a che, diventato una realtà, si sviluppa e lo spirito comincia a percepire tutto quanto si riferisce a questo ideale evocato prima della concentrazione.
Se la concentrazione e la meditazione sono accompagnate dalla preghiera, costituiscono allora degli strumenti potentissimi e sicuri per lo sviluppo delle qualità latenti dello spirito. Usandoli in una vita vissuta in purezza e abnegazione, servendo l'umanità come meglio possibile, l'aspirante non può mancare di raggiungere lo scopo prefissosi.
Uno degli ostacoli più comuni, uno dei pericoli maggiori sul sentiero è di lasciarsi irretire dalle piccole meschinità della vita: critiche immeritate, osservazioni sgradevoli, sentimenti di gelosia che ci circondano. Queste piccole cose hanno grande importanza e sono altrettante tentazioni, cioè altre occasioni di vincere, sul cammino delle preparazione.
L'aspirante deve coltivare la ponderazione: deve sforzarsi di restare calmo davanti ai fastidi piccoli o grandi della vita quotidiana. Deve anche sorvegliare i propri pensieri, i propri sentimenti. Il sentimento di malevolenza contro una persona, per la quale non si ha simpatia, viene a tentarci. E' il momento di porre l'alto là. "Vegliate incessantemente: è più facile soccombere nelle piccole cose che nelle grandi prove."
E' vero che tosto che ci avviamo sul sentiero dello sviluppo spirituale affrettiamo il nostro lavoro evolutivo, mettiamo in gioco i debiti di destino, il pagamento dei quali, nel solito incedere della vita, sarebbe stato dilazionato. Non possiamo sottrarci dal fare riparazione per ogni cattivo pensiero, parole e azioni commesse in questa vita o nelle esistenze precedenti; "dobbiamo pagare fino all'ultimo centesimo" ed è preferibile, quando se ne ha la forza, di farli in un sol colpo.
Una volta informato sulla natura di Dio, delle leggi universali e della conoscenza di se stesso, l'aspirante sarà in grado di non crearsi più dei nuovi debiti di destino: l'uomo libero sarà padrone della propria vita e non più lo schiavo del suo ambiente.
La filosofia Rosacroce insegna che l'uomo è una scintilla del proprio Padre divino del quale possiede tutte le prerogative, che egli fa il suo tirocinio di dio in divenire mediante le esperienze provate entro il corpo fisico. Il destino dell'uomo è di diventare puro e santo come il suo creatore: si metta dunque immediatamente all'opera ed eserciti le sue qualità, si applichi allo studio di se stesso, cerchi la scintilla divina che ha tenuto per così lungo tempo celata e consenta, infine, che essa si esprima.
Sappiamo che la mente è la congiunzione fra l'uomo fisico e l'uomo spirituale, che è mediante il cattivo uso della mente che l'uomo è degenerato. Ma noi sappiamo che lo spirito dell'uomo è nutrito dall'anima, dall'assimilazione delle esperienze della vita, dell'espansione della coscienza. Se l'uomo comincia a controllare i suoi pensieri praticando la concentrazione, se applica la meditazione su concetti elevati, riempirà la sua vita di pensieri costruttivi.
Se la vita è una preghiera continua, per questo non occorre inginocchiarsi davanti ad un altare, ma fare dei propri pensieri e delle proprie azioni una sottomissione alla Volontà di Dio. Il Dio interno comincerà allora ad esprimersi e quando la concentrazione, la meditazione e la preghiera saranno diventate dei fattori viventi nella sua vita, non avrà più bisogno di cercare al di fuori quest'acqua viva di cui parla il Cristo, perché sarà diventato egli stesso una sorgente d'acqua viva alla quale verranno a dissetarsi tutti coloro che hanno bisogno di aiuto spirituale.
Mabel Collins ha giustamente detto: "Solo colui che ha acquisito la conoscenza della sua anima è un profeta, perché solo le anime possono leggere le
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 601
Data d'iscrizione : 28.04.10

Vedere il profilo dell'utente http://angelodilucerisvegli.forumattivo.info

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum