Angelodiluce Risveglio
Ciao entra a far parte del nostro forum
Cerca
 
 

Risultati secondo:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Statistiche
Abbiamo 40 membri registrati
L'ultimo utente registrato è Gallo Cedrone

I nostri membri hanno inviato un totale di 737 messaggi in 721 argomenti
Sondaggio
traduttore

POTERI E SEGRETI DI AMULETI E TALISMANI

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

POTERI E SEGRETI DI AMULETI E TALISMANI

Messaggio Da Angelodiluce il Gio Apr 29, 2010 3:36 am







Amuleti e talismani hanno una storia millenaria, legata ad ogni popolo e ad ogni epoca. Le stesse mascotte di oggi non sono altro che una forma moderna del talismano. I talismani sono oggetti a cui viene attribuita una forza invisibile e non dimostrabile fisicamente, che aiuta il proprietario a raggiungere uno scopo prefissato. Si tratta soprattutto di portafortuna, mentre gli amuleti hanno principalmente una funzione protettiva. Entrambi sono componenti importanti della magia, ai quali l'uomo è legato tramite energie naturali, extrasensoriali e divine. Amuleti e talismani vengono per lo più realizzati in ottone e rame, materiali neutri che si ritiene siano in grado di
assorbire e allontanare le energie negative dal corpo.
L’amuleto è al servizio esclusivo della persona che, mediante una pulizia spirituale, trasferisce le sue caratteristiche personali all'oggetto. Nessuno, ad eccezione del suo legittimo proprietario, può toccare il talismano personale. Durante il sonno non bisognerebbe mai conservare il talismano a contatto con il corpo, ma sarebbe preferibile riporlo in un sacchetto di lino, affinchè abbia il "tempo" necessario per recuperare le sue energie lontano dal corpo del proprietario.
Da tempi remoti
L’uso di amuleti e talismani risale alle prime civiltà e alle culture più antiche. Numerose leggende narrano, per esempio, di un gigante che, ancor prima del diluvio universale, avrebbe scoperto l'effetto e l'impiego di amuleti e talismani. Secondo lo storico e scrittore greco Diodoro Siculo (I sec. a.C.) anche il patriarca Menas si sarebbe servito di amuleti, proprio come il figlio di Noè, Cam, che si dice fosse specializzato nell'utilizzo dei talismani.
Accenni ai nodi celtici
I nodi celtici, utilizzati anche come amuleti magici, simboleggiano l'eternità, poiché non hanno né un inizio né una fine e presentano caratteristiche regolari che si ripetono costantemente. Secondo la visione celtica, essi sono emblemi del ciclo naturale della vita, del mondo e del cosmo. Il nodo celtico più celebre, reso noto dalla popolare serie televisiva Streghe, è formato da tre linee a forma di luna, unite da un anello. Il tre era infatti un numero sacro ai Celti: il Triskel bretone-celtico, costituito da tre linee sinuose intrecciate, rappresentava l'unione di terra, acqua e fuoco. I nodi triplici erano spesso il simbolo della triade composta da corpo, mente e anima, indispensabile per raggiungere la vera illuminazione, ma anche della triplice natura insita in ogni donna: vergine, madre e saggia.
Differenza fra amuleti e talismani
La magia attribuisce un enorme potere sia agli amuleti che ai talismani. Qual’è però la differenza fra i due? Lo scrittore antico Plinio il Giovane, definisce "amuleto" un oggetto raccolto in natura oppure realizzato a mano, volto a preservare il proprietario da pericoli, dolori e rischi causati dagli spiriti maligni. Protegge chi lo indossa dalle malattie, dalle maledizioni e da altre forze pericolose. Il talismano è invece un portafortuna. Ha il compito di attirare le energie positive oppure di ampliare la sfera del bene già esistente: benessere, salute e successo professionale.
L'origine di amuleti e talismani
Il termine "amuleto" proviene probabilmente dall'area linguistica araba, dove hamalet (appendice) indica una striscia di tessuto o di pergamena su cui sono riportati aforismi. Il concetto di "talismano" proviene dalla Turchia: le parole talis e talismon possono essere tradotte come "immagine miracolosa" (nelle regioni arabe, il termine tilisman designa ora proprio un'immagine magica). Anche i sacerdoti turchi che si occupavano di questi oggetti venivano chiamati talismani. Furono ancora una volta gli Egizi a porre le basi della pratica dei talismani. Furono i primi, insieme alle stirpi caldea, ebraica e indiana, a rappresentare le stelle e le costellazioni, ma anche simboli di animali e uomini, e a utilizzarli per scopi magici. I talismani non venivano solo indossati sul corpo, ma anche fissati alle case e agli oggetti di uso comune per instaurare relazioni favorevoli con dei, demoni e spiriti.
Amuleti e talismani celebri
Una forma molto diffusa è l'ankh, la cosiddetta chiave della vita o croce ansata. Nel linguaggio dei geroglifici simboleggiava la "vita", ma significava anche "andare", e molti dipinti egizi raffiguravano le divinità nell'atto di donare l'ankh al faraone. I talismani con la croce ansata sarebbero dunque propiziatori di lunga vita. In altri contesti si incontra anche la stella a cinque punte o pentagramma, indubbiamente il simbolo magico più noto, amato, adorato, onorato e al tempo stesso temuto dai "cattivi". Nota anche come pentacolo, è un simbolo di protezione universale e segno distintivo di molti ordini segreti.
avatar
Angelodiluce
Admin

Messaggi : 601
Data d'iscrizione : 28.04.10

Vedere il profilo dell'utente http://angelodilucerisvegli.forumattivo.info

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum